APPRODARE…RIPARTIRE

 

93749

“Non ho mai amato la retorica morbida del “cammino per il cammino”.
Il cammino è per l’arrivo, ed io amo la gioia solida del porto:
approdare, giungere, concludere.
Eppure so bene, e sperimento, che c’è una gioia propria dell’andare,
dell’attendere e protendersi: l’aspettativa, la speranza.
Se il nostro porto fosse chiuso, limitato dai moli,
questa gioia, attraccando, cesserebbe.
Ne inizierebbe un’altra, però la prima sarebbe persa.
Invece il nostro porto è in mare aperto.
Nella scoperta inesauribile di un Dio infinito niente finisce.
La gioia dell’attesa non si spegne ma si riaccende ad ogni approdo,
ed ogni passo che avvicina discopre più vaste lontananze.
Noi approdiamo sempre, noi ripartiamo sempre,
e la gioia del camminare e dell’attendere
si salda con la gioia dell’arrivare e possedere.
Corsa e riposo, riposo e corsa;
attesa ed estremo esaurimento, esaurimento e nuova attesa
si avvicendano, in un dilatarsi senza fine”.

Adriana Zarri, “Dodici lune”

 

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...