APPUNTI DI UN GIORNO DI “FESTA”

giornodisole

1° MAGGIO FESTA DEI LAVORATORI.

Oggi c’è il sole. Curioso che, in un Paese in cui il problema principale è proprio il Lavoro, la gente si senta oggi di festeggiare!

Io trovo non ci sia proprio nulla da festeggiare!

La cosa più desolante, in realtà, è la totale mancanza di pensiero concreto.

Osservo le persone camminare e a parte alcuni bambini la sensazione è sempre la stessa.

Totale Assenza.

Le persone vivono in uno stato di Sonno profondo. Letargo è il termine esatto.

Poi arrivano i bimbi, quelli piccoli, fino ai 3 anni direi, e leggi nei loro occhi ancora la capacità di stupirsi, la curiosità di scoprire, la tenacia, la fiducia, l’impeto, la gioia.

Alcuni hanno sguardi che sembrano dirti : “Io ti Vedo!”.

sguardi 20000

E mi commuovo. Si. Gli sguardi dei bambini mi commuovono.

Ultimamente fatico meno a commuovermi. Sono più sensibile?

Non so.

Forse si è solo acuita la capacità di riconoscere la Bellezza intorno a me.

Come se, aver vissuto a lungo nella bruta densità del “negativo”, avesse concesso uno Spazio più ampio al suo Contrapposto, fornendo strumenti maggiori, parametri definiti per il Discernimento, al fine di poter utilizzare lo strumento più prezioso mai ricevuto nella propria Esistenza.

Il Libero Arbitrio.

Si, perché ciascuno di noi possiede questa incredibile Arma.

La possibilità di scegliere.

Scegliere da che parte stare, di cosa circondarsi, in cosa immergersi, di cosa nutrirsi, cosa rifiutare, in cosa investire, per cosa lottare, di cosa godere.

Eppure guardandosi intorno non si respira altro che una sensazione di claustrofobia.

Come se chiunque si sentisse incastrato.

In una vita non sua, a fare un lavoro che non ama, nutrendosi di ciò che “passa il convento”, subendo condizioni esterne dettate da Governi di democrazia dittatoriale, economie in fallimento, natura in ribellione!

A ben guardare si. Oggi c’è poco da festeggiare.

Ma se ciascuno si sedesse un istante, si fermasse con l’intento di Guardare per Vedere, per andare Oltre la coltre fumosa di una “Realtà” fittizia, manipolata, condotta, perseguita, irreale, forse, dico forse, dopo un po’, qualcosa potrebbe Cambiare.

Forse superato lo scoglio della prima forte Delusione, dopo aver accettato di essere stati ciechi e sordi, dopo aver superato l’orgoglio ferito di un Ego sempre troppo presente, forse in molti nascerebbe il Desiderio di apportare qualche modifica alla propria Vita, al proprio Atteggiamento, al proprio Pensiero, al proprio Agire.

Allora forse si tornerebbe a comprendere che unirsi e cooperare, condividere e collaborare, servire è la vera Via per salvare l’umanità, per salvare noi stessi.

Se non fosse questa la Via, se non fosse questo uno degli scopi principali della nostra Esistenza, perché saremmo quasi 8 miliardi di Esseri a popolare questo incredibile pianeta?

Se è così evidente quanto sia più veloce e maggiormente incisivo l’ottenimento di un risultato unendosi, perché ciascuno vive costantemente coltivando un senso di profonda Separazione dagli altri?

Perché l’Energia che alberga su questo pianeta, oramai da troppo Tempo, ha nutrito questa Paura, insegnandoci che l’altro non è un valore aggiunto, bensì rappresenta una minaccia, pronta non ad arricchirci, bensì a privarci di qualcosa, foss’anche solo l’aria che respiriamo.

Ci siamo nutriti della paura di perdere qualcosa, ci hanno instillato, goccia dopo goccia, il bisogno di guardare sempre e soltanto a ciò che manca e non a ciò che c’è.

Questo processo ha così trasformato un intero pianeta ricolmo di meraviglie e di talenti, in un ammasso di sfiduciati Esseri, incapaci di percepirsi, se non al massimo, come un corpo che respira, mangia, dorme, lavora, vegeta.

Io non so come andrà a finire.

Nessuno lo sa.

1°MAGGIO

Ma in questo giorno di sole, quel che so, per quanto riguarda me perlomeno, è che in questo secondo tempo nel film della mia Vita, trascorrerò il Mio Tempo cercando di perseguire, almeno nel mio piccolo, la Bellezza, l’Unità, il Risveglio, l’Amore.

Perché, in fondo, in tutto questo Caos, se sollevo gli occhi da questo foglio, scopro un tetto di rami ricolmi di giovani foglie di un verde brillante, al di sopra un cielo di un azzurro imbarazzante e all’orizzonte nuvole bianche come la neve.

E, detto tra noi, non posso aver ricevuto in Dono tutto questo, affinché andasse sprecato.

A.F.

Advertisements

2 pensieri su “APPUNTI DI UN GIORNO DI “FESTA”

  1. Sei una che ha attraversato la notte, si “sente”, altrimenti non avresti potuto scrivere un manifesto così pieno di senso e compiutezza. Invece di allargare il discorso, cosa che mi sembra quasi blasfema data l’elegante sintesi dello scritto, lascio uno dei miei deliri. Linguaggio un po forte ma spero sarà gradito ugualmente
    DANZA MACABRA DELL’INTELLIGENZA
    Quello che davvero ti frega in questo mondo di merda, è il non poterne ignorare la Bellezza. Non tanto la Bellezza plateale, opulenta e ostentata che potresti tranquillamente catalogare come sottile inganno dell’Esistenza. No, non quella! L’altra… quella che scorgi inaspettata e shockante quando, magari distrattamente, ti metti a grattare la crosta di Orribile e Terribile che ricopre il mondo. Eccolo, il Sublime! Ti rapisce l’Anima e ti spezza a colpi di Emozioni, una ad una, tutte le ossa della Ragione. Il Sublime alimenta il tarlo del Dubbio che rode e rosicchia ogni certezza, ogni verità(sic!). Come si vivrebbe meglio senza Speranza…
    E invece no: la Bellezza…
    “E se mi sbagliassi?” – “E se questo orrore che mi circonda da ogni lato, che mi offende, fosse solo una maschera, una patina di sporco che riveste qualcosa di meraviglioso?”
    Si può morire di certezze, ma di dubbi non si può far altro che vivere; e cercare, e viaggiare, e scavare. E a volte, forse, trovare…

    saluto 🙂

    • Mio Caro Equilibrista….grazie per le tue parole…”Si può morire di Certezze, ma di dubbi non si può far altro che Vivere; e Cercare, e Viaggiare, e Scavare. E a Volte, forse, Trovare…” Mi hai emozionato. Un abbraccio. Namasté. 🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...