DISTACCO

Aquila

Distacco.

Il distacco consente di osservare senza lasciarsi colorare dall’oggetto osservato.

Lo sguardo si fa sfocato e, paradossalmente, più acuto.

I sensi si espandono, il respiro rallenta.

L’orecchio diviene selettivo.

La visione, composta di infiniti dettagli,

trasmette un intero che ha forma, colore, odore

pur mantenendo sfumature, complessità, sentieri apparentemente nascosti, improvvisamente svelati .

Distacco.

Leggerezza infinita nel cogliere che non siamo ciò che guardiamo.

Lasciarsi attraversare, senza assorbire, trattenere, possedere.

Senza essere posseduti.

Trattenere è delimitare, fermare, forzare.

Distacco.

Cogliere, percepire, elaborare e lasciar andare.

Nessun peso, zavorra, àncora, appiglio.

Un po’ come volare godendo del profumo del vento, del panorama lontano, dell’orizzonte infinito.

Scegliendo correnti, la luce del sole.

L’istinto delle ali che, con colpi cadenzati, sostengono il Viaggio e la meta non conta, ché casa è dentro, non fuori.

Distacco dal fuori, per ritornare dentro.

A Casa.

Finalmente a Casa.

A.F.

Advertisements

5 pensieri su “DISTACCO

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...